Boom per le scuole di sesso in Russia

di Valentina Commenta

 Quando si dice che una donna per conquistare e tenersi stretta un uomo debba essere un po’ santa ed un po’ puttana non si sbaglia. Ed è questo che ormai da anni insegnano nelle diverse scuole per “geisha” nate in Russia, prima a Mosca e San Pietroburgo e poi diffusesi sul territorio. Il sesso come arma di conquista sia di un amore sia di una condizione sociale migliore.

C’è chi distingue tra la scuola per geishe e quella per le prostitute: in realtà puntano entrambe a dare alle donne una maggiore consapevolezza di loro stesse ed ad insegnare loro la fine ars amandi. In tutti i sensi.  Si parte dal massaggio e dall’insegnamento delle movenze necessarie per eseguire uno spogliarello sexy, fino al posizionamento della bocca ed i movimenti della lingua per una perfetta fellatio. Insomma, tutto riguarda la presa di un uomo, concedetecelo, per le palle.

Dire che si insegna alle donne ad essere femmine calienti è riduttivo. In questi corsi si insegna la pratica. Certo, vedere delle donne, spesso avvenenti cavalcare a smorzacandela un peluche in mancanza di modelli in carne ed ossa o di plastica fa ridere e non poco, ma per capire l’importanza di un simile “sforzo”, bisogna guardare il tutto con gli occhi dei risultati che è possibile raggiungere. Soprattutto la conquista di un milionario, vero e proprio passaporto per una vita migliore.

In particolare, ad avere successo negli ultimi anni, sono le scuole che insegnano a lavorare sui muscoli vaginali con tanto di pesistica. A tal punto che alcune donne segnano ai corsi anche le loro figlie maggiorenni: in questo modo consentono loro di studiare bene la teoria per affinare la piacevole pratica. Non mancano le mogli che vogliono aggiungere del pepe a letto e riconquistare il marito tra le iscritte. E difficilmente qualcuno è rimasto deluso nel tempo. Che dite, è ora di un corso?

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>