Quali sono i tabù del sesso che abbiamo perso?

di Valentina Commenta

Quali sono i tabù del sesso che abbiamo perso? Sembrerà assurdo perché per alcuni versi la società nei confronti di tale tema sembra ancora avere una mentalità molto ristretta, ma rispetto al passato sono molti i muri che sono caduti.

Sesso come piacere e basta

Noi ormai lo diamo per scontato, ma c’è stato un momento in cui per la società il sesso era da concepire solo come atto per procreare e nulla di più. E la stessa educazione delle donne, in particolare, era condizionata in tal senso, come se il provare qualcosa dovesse essere qualcosa di esclusivo degli uomini.

Donne ed iniziativa

Altro tabù caduto è quello delle donne che prendono l’iniziativa. Al maschio tra l’altro piace che una donna sappia quello che vuole da lui e faccia qualcosa per ottenerlo. Per una volta non sono loro a dover condurre il gioco e questa è una cosa che li eccita.

Tradimento

Non deve essere ovviamente ricercato, ma diversi anni fa un comportamento simile era accettato da parte degli uomini ed addirittura condannato penalmente per le donne: si rischiava il carcere se si veniva denunciati per il reato di adulterio.

Orgasmo è diritto

Dopo tanta lotta si parla di orgasmo. E giustamente le donne lo pretendono: non sono bambole da utilizzare per “masturbare” l’uomo.

Sex toys

Con l’apertura al sesso fine a se stesso è stato finalmente sdoganato il mercato dei sex toys. Vibratori, dildo e qualsiasi cosa la mente decide di creare: ora questi accessori erotici sono per tutti senza distinzione.

Photo Credit|Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>