Amanda Seyfried: penso al sesso orale e canto meglio

di Valentina Commenta

Eh si, quando il microfono è di carne si canta meglio. Avrà pensato questo Amanda Seyfried quando ha raccontato senza problemi che riesce a cantare meglio se quando lo fa pensa al sesso orale? Suvvia, poi non siamo noi che mettiamo malizia in tutto. L’attrice e cantante ha fatto tutto da sola.

Partiamo da un presupposto: la giovane è “Cosetta”  nell’ultimo film “I miserabili“. Ma è anche Linda Lovelace  nella biopic dell’indimenticata pornostar che ha dato praticamente il via al genere. Quindi perdonateci se non ci stupiamo molto dell’idea di per sé che la cantante ha avuto, né del modo in cui la espressa. Ecco cosa ha raccontato ad Allure:

Devi immaginare di avere un pene fin dentro la gola. Devi sentirlo che tocca la parte posteriore della gola. E’ quello il momento per cantare, è esattamente lì che si trova la laringe.

Bonjour finesse! Vorrei trovare un maestro di canto che sappia spiegarlo altrettanto bene. Sfido chiunque ora a dire che il sesso orale sia inutile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>