Sesso nello spazio, divertiamoci un po’

di Valentina Commenta

Siamo in un punto dell’avanzamento tecnologico terreste che pensare al sesso nello spazio diventa quasi un passaggio obbligato. Una volta che avremmo davvero deciso di colonizzare la luna per sfizio o necessità, come ci si regola con i rapporti sessuali? Saranno possibili? Ci estingueremo? La scienza è alla ricerca di risposte. Noi preferiamo scherzarci su.

Perché ci vorranno molti decenni e quindi il problema non ci toccherà nemmeno lontanamente. Ma già adesso, se ci pensiamo, ci sono aziende che organizzano viaggi spaziali per i più ricchi. E se qualcuno decide di provare l’ebrezza dei coito spaziale… ci riuscirà? Le missioni spaziali ufficiali dei vari stati che partecipano al programma spaziale mondiale giurano solennemente che nessuna attività sessuale umana è mai stata intrapresa. E vogliamo credere loro. Quindi ci chiediamo: in assenza di gravità l’erezione ha problemi a salir su o tutto è perfettamente funzionante come sulla terra?  E la penetrazione è facile o difficile? Abbiamo seriamente delle preoccupazioni in merito che purtroppo nessuno potrà toglierci, almeno fino a che qualcuno non andrà nello spazio e scenderà poi sulla terra portandoci delle prove.

Immaginate: il primo sex tape spaziale. E’ impossibile non scherzarci sopra al momento. Le posizioni del kamasutra sarebbero contemporaneamente più semplici e più difficili da eseguire. Meno peso significa più agilità, ma anche una certa difficoltà nel rimanere uniti proprio a livello corporeo… diamine, ci sta  venendo il mal di testa al solo pensiero. Chissà se prima o poi qualcuno ci toglierà questa curiosità raccontandoci della prima sveltina spaziale. Non ci resta che aspettare, vero?

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>