Sesso, le fantasie sessuali post “Cinquanta sfumature di grigio”

di Valentina Commenta

Lo so, lo tiriamo sempre in ballo. Ma a quanto pare il libro di E.L. James “50 sfumature di grigio” ha causato davvero un grande cambiamento nelle donne in tutto il mondo. Non solo una crescita dell’interesse nei confronti del bondage, dei legamenti e del BDSM in generale, ma anche la nascita tutta una serie di fantasie particolari che, ci duole dirlo, virano sul violento.

Non abbiamo mai nascosto il nostro pensiero nei confronti di questo libro. Senza nulla togliere all’autrice e volendo far finta di non vedere dei problemi strutturali e di trama derivanti da un pessimo lavoro di editing, è innegabile che anche in quanto a bondage e sadomasochismo, il libro non sia un perfetto esempio di regolarità e giusti consigli. Un fattore che si rispecchia, creando subbuglio, nella comunità scientifica deputata allo studio delle pulsioni sessuali e della sessualità, anche nelle fantasie che le donne hanno pian piano maturato nel corso di questi mesi.

Vi chiederete: il problema dov’è? È presto detto: non solo la mancanza di spontaneità delle stesse, che abbatte la libido in maniera sottile e continua, ma anche la nascita di idee perverse, che mal si sposano con il divertimento e la gioia che deve scaturire un rapporto sessuale. Ora mentre quella di fare sesso con uno sconosciuto è una fantasia intrigante ed eccitante e ben venga che ci sia, insieme a quella di essere legate nel letto magari legate con foulard o manette e bendate, quella di venire violentate e maltrattate non rientra di certo in quella che può essere considerata una normale evoluzione del desiderio sessuale.

Insomma, qui non siamo mai stati pudici e spesso e volentieri ci è piaciuto parlare e fantasticare di cose talvolta veramente eccessive, ma il fatto che tra le fantasie più ricorrenti delle donne in seguito all’uscita di questo bestseller, oltre a quella di fare sesso a tre o davanti a della gente che guarda, vi sia anche quello di essere violentate, anche se dal proprio partner, dimostra che qualcosa non sta andando per il verso giusto. Ma il sesso in allegria, vissuto felicemente, proprio non esiste più?

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>