Il Cuckold: cos’é?

di Cristiana 6

Con il nome di “Cuckold”, si è soliti indicare l’uomo a cui eccita essere traditi continuamente dalla propria fidanzata, compagna, o moglie. Le coppie di questo tipo, sono numerose anche in Italia, dove il fenomeno del Cuckoldismo ha subito una rapida impennata anche grazie all’aiuto di Internet, che tramite blog e forum dedicati all’argomento, ha messo in contatto un gran numero di coppie (e triangoli) che condividono la fantasia di un adulterio legalizzato.
Il Cuckoldismo infatti è una pratica sessuale dove per forza di cose bisogna essere almeno in due ma ancora meglio in tre. Nella grande maggioranza delle coppie cuckold, è l’uomo che consapevolmente e volontariamente induce la propria partner (in gergo Cuckoldress) a fare sesso con altri uomini, e spesso ai due si aggiunge un amante fisso, chiamato Bull, cioè toro, una chiara allusione alla prestanza fisica di questi animali. Alle volte, la Cuckoldress e il Bull possono avere, oltre che rapporti sessuali, anche una relazione sentimentale. Ma il carattere “sessuale” del rapporto resta in primo piano.

Il Cuckold, cioè il soggetto passivo, trae il massimo piacere proprio nell’assecondare il rapporto sessuale della partner con un altro uomo.
Il rapporto può essere immaginato, o anche raccontato dalla stessa partner.
In genere le coppie che praticano questo tipo di esperienze, sono molto salde. I compagni non temono di essere lasciati dalle proprie donne, anzi la loro sicurezza nei confronti della partner è tale da instaurare, talvolta, un’amicizia con l’altro uomo, che non è più visto come un rivale, ma come un complice.
Nei casi più estremi questa pratica sessuale assume una componente voyeristica e sadica insieme: il Cuckold, è costretto ad assistere al rapporto sessuale tra la sua donna e il terzo uomo, subendo commenti e umiliazioni che avvicinano questo tipo di relazione a quelle di stampo feticista e masochista.

Una curiosità: in origine il termine cuckold era usato per indicare i mariti inconsapevoli di “portare le corna”. Oggi l’uomo cuckold vive questa condizione come una esaltazione della libertà sessuale della propria compagna.

Commenti (6)

  1. Interessante questo ribaltamento storico del significato della parola, se ne possono prendere molti spunti: un cornuto consapevole è certamente in una condizione psicologica più favorevole dell’inconsapevole. Anche se forse è anche un poco calarsi le brache o fare i paraculo….. condizione tipicamente italiana, necessità storica e politica che come sempre trasforma tutto quel che è libertario in reazionario, malato, fascista – vedi il corso storico della pornografia e dell’amore “libero” degli anni prima degli ’80 in Italia e nel mondo oggi.
    Ho visionato in anteprima nazionale Vicky Cristina Barcellona, l’ultimo film di Woody Allen, dove si descrive una situazione sentimentale a tre di tutt’altro spessore di quelle tristemente sollecitate da anni in molte riviste, non necessariamente porno ed erotiche.
    Se ci si ama, si può amare tutti…se ci si fissa sul genitale, il genitale ci fissa…..

  2. Cuckoldismo è un percorso a volte semplice e giocoso a volte sofferto. Il cuckold vive un paradosso interiore che vede la volontà reprimere la gelosia innata nel maschio per la propria donna e la sfida nel farla congiungere carnalmente con un altro uomo spesso decisamente migliore di lui sul piano fisico. Entra in gioco spesso ma non sempre il voyeurismo. Il cuckold ha una spiccata inclinazione alla masturbazione che spesso diventa poi l’unico modo di soddisfarsi. fa di tutto per mostrarsi inadeguato sessualmente ai bisogni della moglie, creando i presupposti al tradimento. Nel cuckold la cerebralità è fortissima e lo porta a creare scenari e complicità con uomini da lui stesso ricercati e giudicati idonei alle esigenze della moglie. Moglie che naturalmente conosce le inclinazioni del marito e finge di stare al gioco.
    Non di rado il cuckold è un marito cornuto che scopre il tradiemnto e che superato un periodo di sofferenza, acetta la situazione perché capisce che la moglie amata non lo lascerà per l’altro. Ci sono anche cuckold dove l’amante della moglie è il Capo di uno dei due e la situazione è altamente stimolante, nonché molto pratica.
    Sede del cuckolding è spesso la casa coniugale dove l’amante è coccolato e ne diviene ospite gradisissimo e indispensabile al piacere della coppia.
    Non è un fenomeno risibile, perché è molto più diffuso di quanto sembri e raggiunge gli strati profondi della coscenza della coppia.

  3. io son diventato un marito cuckpld da quando ho scoperto che mia moglie sissi si scopava il suo datore di lavoro…….ora mi eccità tanto vederla scopata da 1 altro.ma lei non vuole,continua a dirmi che sono 1 perverso porco……che devo fare????

  4. @sissi: prova a farle leggere questo articolo, e poi parlatene insieme. Ma se lei non è d’accordo non forzarla a fare ciò che non vuole. Il sesso, in qualunque forma lo si pratichi, DEVE essere consensuale.

  5. Ciao! il fenomeno del cuckoldismo è reale e molto più diffuso di quanto si pensi… soprattutto all’estero, dove lo si vive e lo si pratica senza tabù e senza falsi moralismo… io ho aperto un blog completamente amatoriale e gratuito sulle implicazioni psicologiche dello stile di vita cuckolding, per parlarne con serietà e invitando alla discussione… se volete vederlo, andate su http://erotismoferrarese.tumblr.com/ grazie ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>