Feticismo del latte: l’allattamento come gesto erotico

di Giada Commenta

La maternità non è solo uno dei momenti più dolci nella vita di una donna, ma anche quello più erotico! A dichiararlo, e confermarlo a gran voce on line, sono soprattutto loro, i feticisti del latte, uomini che non resistono al fascino di un allattamento filmando tutta la poppata, dal primo all’ultimo sorso.

Il trend è stato scoperto on line dove, tra milioni di siti web dedicati alla maternità, ne sono spuntati molti altri dedicati invece alle poppate. Dopo una breve ricerca, un sito web solo al femminile ha scoperto che gli administrator non sono mammine in attesa, ma bensì uomini con il pallino dell’allattamento, maschi di ogni età che, armati di smartphone, si barricano dietro i paravento delle nursery pubbliche filmando ogni particolare, dal seno gonfio di latte al capezzolo turgido e bagnato del dopo poppata.

Il loro vizietto non è stato apprezzato da tutte le mamme che, orgogliose del loro pargolo, non perdono l’occasione per tirare su maglietta e reggiseno e nutrire il loro piccolo, facendo venire l’acquolina in bocca a numerosi maschietti golosi.

Ma l’allattamento può davvero dirsi un gesto erotico? A quanto pare, sembra che la poppata sia una delle immagini più piacevoli per i feticisti del latte (milk feticist, dall’inglese) che si immedesimerebbero nel bambino immaginando la morbidezza del seno materno, la pelle liscia e profumata e il gusto del nettare sorbito dal neonato. L’allattamento è una scena sexy e calda, dicono i feticisti del latte, e il piacere che deriva dalla sua osservazione è davvero unico, tanto unico da scatenare una corsa all’ultimo scatto o all’ultimo filmato rubato un po’ ovunque: dal parco alla nursey di un ufficio, da un tavolino di un ristorante all’aperto a una sala di attesa di un luogo qualunque. Piacere a parte, siamo sicuri che non si sfiori l’ossessione?

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>