Donne e rimming: cosa c’è da sapere

di Valentina Commenta

Non storcete il naso, siamo coscienti che siete abituati a inserire in un contesto di sesso gay il rimming, ma è il caso di aprire un attimino le proprie menti, a prescindere che si voglia o meno o si indugi già con il proprio partner. Soprattutto se si prende in considerazione di mettere in atto o ci si diverta già da tempo con la pratica del pegging.

Come abbiamo già sottolineato parlando del pegging, infatti, le terminazione nervose dell’ano sono molto sensibili e non è raro che agli uomini, a prescindere dalla loro sessualità possa piacere essere stimolati in modo differente rispetto al classico sesso orale o alla masturbazione. C’è chi ama anche essere stimolato internamente. Ora, non ve lo negheremo: quando si parla di rimming si entra in un campo minato, e questo vale per entrambi i sessi. Per metterlo in pratica ci si deve sentire a proprio agio, essere sicuri che l’altra persona sia pulita e che entrambi possiate trarne piacere, soprattutto se una delle due persone è una donna che sta imparando a conoscere i piaceri “segreti” del proprio uomo. Anche alcune donne non disdegnano una simile stimolazione. Ma in tutti i casi è evidente che debba esserci una certa convinzione alla base del gesto. E’ molto intimo, molto più di quanto si creda.  Quindi, lasciamo completamente nelle vostre mani qualsiasi decisione, non vi consiglieremo di provare od altro.

Ma ci teniamo a darvi un consiglio: curate particolarmente l’igiene, anche quella interna, con l’aiuto di vacuum specifici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>