La vita del sex coach: Eric Amaranth e colleghi

di Gianni Commenta

Immaginate di essere nel vostro ufficio e di avere, fuori dalla vostra porta, uno stuolo di coppie pronte a spogliarvi e a pagarvi fiori di quattrini per osservarvi mentre fate sesso. Sembra il lavoro ideale, ma quello del sex coach è più difficile di quanto sembri. A spiegarlo sono i sex coach più famosi degli Stati Uniti e dell’Inghilterra, professionisti e pionieri di una professione che potrebbe rivelarsi la più ambita del 2013.

A raccontare la professione del sex coach Mike Lousada, esperto di orgasmo femminile e capace di far sospirare le donne grazie a una semplice pressione tantrica, ed Eric Amaranth, esperto di sessualità che ama definire se stesso come un grande chef, un gourmet capace di osservare gli ingredienti a sua disposizione e fare del piatto una vera opera d’arte.

I due sex coach, i più famosi e richiestissimi anche on line, pare che guadagnino cifre da capogriro, stipendi che neanche i chirurgi di oggi possono sognare. Nell’intervista concessa dai due al DailyMail è stato stilato un vero e proprio listino prezzi: pare che il solo Eric Amaranth richieda ben 240 dollari all’ora per osservare l’atto sessuale della coppia e offrire consigli e un programma personalizzato, una cifra che comprenderebbe una bella lezione sull’uso dei sex toys più ricercati e dei giochi erotici più in del momento. Siete una coppia timida e l’idea di fare sesso davanti a uno sconosciuto vi imbarazza? Niente paura: il sex coach propone un incontro low cost e discreto dispensando consigli teorici su Skype al solo prezzo di 175 dollari.

Vi state chiedendo se i due sex coach riescano a sopravvivere fino alla fine del mese? La risposta è sì: i clienti (spesso under 30) sono numerosi e pronti a mettersi a nudo (e non solo letteralmente) davanti ai loro coach. Il portfolio dei due esperti conta circa duecento assidui clienti…

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>