Video Giantess, donne dalle grandi doti

di Redazione Commenta

Continuamo a parlare di Giantess, donne dalle grandi doti. Ieri vi abbiamo informato sulle origini e la storia di questo mondo animato, oggi vi presentiamo i lavori di uno dei pochi italiani che attivamente da anni sviluppa, contribuisce e realizza video Giantess, ML_PREDATOR_LM, nickname che potete trovare nei principali forum di Giantess.

In Italia, nonostante il fetish, femdom e bdsm si stia diffondendo di più come cultura e pratiche erotiche, i video Giantess non sono ancora molto diffusi. Nella foto sopra potete vedere un foto montaggio fatto da PREDATOR, stavolta due corpi femminili, la Gigantessa che tenta di schiacciare la piccola donna. Non vi sono quindi solo piccoli omini, le donne enormi, amano anche demolire altre microscopiche femminilità.

PREDATOR si è raccontato a Cooletto, ha inziato a conoscere il giantess nel 2006, postando diversi collage gratuiti su alcuni forum, e in prevalenza sull’unico serio e autorevole, Forum Giantess. Inizia così a farsi un nome con moltissimi commenti positivi, e il suo nik diventa un marchio riconoscibile. Dal postare video gratuiti, passa al servizio a pagamento sui siti di Gary Pranzo, video totalmente in 3d, ancora in vendita online, gli fruttano continui guadagni mensili dopo 3 anni. PREDATOR per due anni cerca una ragazza o una Mistress, con la quale girare dei video e finalmente trova la disponibilità di Mistress Rea.

Ora realizza video parlati in italiano, è il primo a farlo, ed è in cerca sempre di nuove Gigantesse. PREDATOR è su Facebook con il nome di Andrea Mariotti, che non corrisponde alla sua vera identità per questioni di privacy. Chiunque fosse interessata a collaborare con lui può contattarlo online. Vi mostriamo di seguito un suo video Giantess girato con Mistress Rea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>