Sesso virtuale sì, i baci no!

di Valentina Commenta

Sesso virtuale sì, baci no. Dovrebbe essere una regola scritta a caratteri cubitali: e non per fare gli ipocriti o le persone moleste, ma perché come comparare l’uso di plastica per un bacio rispetto a delle labbra vere?

Ovviamente parliamo di un oggetto (che ci era sfuggito, lo ammettiamo senza vergognarcene,N.d.R.) che era stato presentato come prototipo nel 2016 con il nome di Kissinger e che ora è diventato realtà in tutto il suo (non necessario) splendore. Il suo nome è Kiss-o -Gram ed è stato perfezionato da una squadra di ingegneri malesi con la collaborazione del sito di incontri extraconiugali Gleeden.

A livello tecnico abbiamo un dispositivo  che si attacca allo smartphone ed è dotato di un morbido cuscinetto in silicone su cui poggiare le labbra. Ovviamente una serie di sensori di cui è dotato “legge” forma, pressione e calore e li trasmette via internet al dispositivo gemello di proprietà della persona amata.

Ora, chi prende in giro l’uso di sex toys in generale e nelle relazioni a distanza dovrebbe prima di tutto andarsi a fare una passeggiata, documentarsi e provare prima di sparare idiozie, ma è impossibile negare che come idea quella del Kiss-o-gram risulti un tantino “stupida” rispetto al classico oggetto di piacere che ti procura un orgasmo e non ti lascia il sapore di silicone in bocca.

Poi alla fine ognuno è libero di fare quel che vuole: ma in materia di sex toys e sesso virtuale, non è più adeguato alle esigenze utilizzare un oggetto di piacere e tenere libera la bocca per dire, anche via telefono, delle sane porcate al partner?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>