Sesso soddisfacente, quali bugie si possono dire per salvare la faccia

di Giada Commenta

Vi è mai capitato di dovervi sorbire un pessimo incontro sessuale e di dover fare buon viso a cattivo gioco? Ebbene, sappiate che non siete gli unici: il web, infatti, ha proposto un vademecum si bugie e menzogne da snocciolare dopo un rapporto sessuale poco soddisfacente. Siete pronti a prendere nota?

Ecco la classifica delle bugie bianche, ossia le bugie che non vengono formulate con lo scopo di ferire ma solo con quello di tirarci fuori da una situazione imbarazzante…

Ecco la classifica delle scuse più usate da pronunciare dopo il rapporto sessuale:

  • Pene e bellezza: “E’ il pene più bello che abbia mai visto, complimenti!” Questa scusa è perfetta per rispondere a una domanda diretta, per smorzare l’atmosfera difficile e per gratificare un uomo che non riesce a soddisfarvi
  • Sesso orale da urlo: “E’ il sesso orale migliore che abbia mai ricevuto!”, è anche questa una delle scuse più usate davanti a un uomo o una donna che, tronfi, ci chiedono cosa ne pensiamo della performance ricevuta…
  • Notte da una sera: Che male c’è nel voler svelare al partner che si è solite cercare un uomo diverso ogni sera o ogni settimana e che si ama il sesso in ogni sua forma? Molti uomini non vedranno di buon occhio la vostra confessione ma che importa!
  • Mai fatto sesso anale?: Quando arriverà il momento perfetto dovrete spiegare il motivo per il quale il sesso anale sia ormai entrato nella vostra vita con grandi piaceri e soddisfazioni, un’esperienza che non sempre viene apprezzata dagli uomini. Come giustificare il piacere di un sesso anale piacevole e che si rivela meno impegnativo del solito? Il consiglio migliore, e per non fare la figura della donna facile, è quello di dire la verità: non svelate quante volte avete fatto sesso anale nella vostra vita (se vi sentite a disagio) ma dite piuttosto che non vedete l’ora di provarlo con lui e provare il piacere tanto meritato…

Quali bugie avete detto in passato sotto le lenzuola?

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>