Sesso e crisi economica: novità nel Kamasutra

di Giada Commenta

 Lavoro precario, aumenti in ogni settore e insoddisfazione politica: fare del buon sesso in questi periodi di stenti non è affatto facile! Per risollevare il morale di noi contribuenti sono state ideate ben tre nuove (e ironiche!) posizioni del Kamasutra, nuove idee per provare piacere e distrarsi un po’. Pronti per un po’ di Kamasutra scaccia-crisi?

Ecco le tre nuove posizioni dell’amore…

Spread dominante: Sottomessi e arresi, i partner si avvicinano l’un l’altro. Entrambi dotati di stivali militari, i due coniugi si preparano a una sessione erotica cadenzata: lei metterà le ginocchia sull’addome dell’uomo muovendosi in modo ordinato e diligente, come sul campo di battaglia

La gomma del ponte: La partner dovrà utilizzare un pneumatico come base di appoggio per incurvarsi e permettere all’uomo di poterla penetrare. L’uomo la raggiunge alle spalle

Precario selvaggio: Lui si sorregge, in modo precario appunto, con le braccia e la donna, girovagando attorno all’uomo, si unirà al suo compagno in modo fugace e veloce; proprio come ogn posto di lavoro offerto oggi dalla società

L’ironia pungente delle nuove (e inventate!) posizioni erotiche solleva comunque un dubbio: è davvero giusto rendere il sesso un appuntamento così fugace e poco impegnativo? Non è forse il sesso un mezzo di intrattenimento che non implica alcuna spesa? Non è forse il metodo più economico per distrarsi e abbandonare i pensieri negativi fuori dalla porta della camera da letto? Il nostro consiglio è questo: aprite il libro del Kamasutra (quello vero!), scegliete le posizioni più dispendiose (parliamo solo di energia e tempo) e dimenticate il precariato, vostro o del vostro partner, lo stipendio (basso) a fine mese, le bollette altissime e il caro benzina: godetevi il sesso in tutte le sue forme svuotando il frigorifero sul corpo del partner e consumando ogni singolo manicaretto tra l’incavo dei glutei, tra le gambe, sui seni… Sperimentate e godete!

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>