Poesie erotiche: Il male erotico

di Redazione Commenta

Appuntamento ogni domenica e lunedì con i “Racconti Sexisti” di Miss Lucy

Il sangue è una goccia di pelle.

Variegate sostanze ora non sono più in te.

Erotica ti mostri a sfidare e la punizione osi gradire.

Erotico io come il tuo ventre.

D’un tratto il corpo non ha più carne, ma il rosso che brucia.

Stendi la tua ombra se ancora hai forze.

Usata leggerezza di apparire, godi ad essere ammaestrata.

Il gioco di schiavi e padroni è ritmo alla salute.

Come il verdetto decide del tuo volere.

Non sai cosa ti attende ma non hai preoccupazioni.

Il dolore è un bene insaziabile a volte.

Miri, cuci e lecchi le ferite.

Che strano senso ha il godere.

Ti metti in mostra senza riflettere.

Cedi all’azione con sicurezza alterna.

La tua mente non ti segue più.

L’inganno è andato altrove.

Siamo parole che dilatano ogni dubbio.

[N.d.a. Potete trovare altre mie “Poesie e Racconti Sexisti” sul mio blog]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>