Nudismo metropolitano, senza veli è meglio

di Redazione 3


Se pensate che il nudismo sia roba da hippy nostalgici, o stravaganti alternativi, vi sbagliate. Se pensate che il nudismo sia qualcosa da praticare solo in estate, magari in vacanza su spiagge assolate (e isolate) vi state sbagliando un’altra volta.
In America, come in Spagna, il fenomeno del nudismo metropolitano sta prendendo sempre più piede fra gli adepti del “senza veli è meglio”.
Il nudismo si basa sul ritorno alle origini, su un rapporto stretto con l’ambiente che ci circonda attraverso la nudita’ e lo stare nudi. Di conseguenza, passeggiare per le strade vestiti solo della propria pelle, giocare a tennis indossando le scarpe e neinte altro, o salire nudi a bordo di un aereo per volare verso lidi lontani sta diventando una moda diffusa. Sempre in Usa, il popolo dei naturisti viene coccolato e viziato con crociere esclusive e alberghi di lusso. Con il motto che tutto quello che potete fate vestiti, lo potrete fare anche “al naturale”.
Questa moda, anzi questa filosofia di vita, sta raccogliendo simpatizzanti perfino in Italia.

Una nuotata, una partita di pallavolo sulla spiaggia, una grigliata, una partita a carte, ed ecco che ci si accorge che nudi a contatto con l’aria, il sole, il mare, gli amici ci si sente bene, si prova un senso di libertà e di armonia che forse gli abiti avevano represso. Ci si accorge ben presto che il costume addosso per nascondere alcune parti del corpo non ha alcun significato, e il pudore di restare nudi svanisce. E lo stesso accade con le differenze sociali. Una volta nudi non c’è più differenza tra un manager e un operaio, senza tasche non c’è modo di portare con sé telefonini, cercapersone o altri status symbol.

A Torino, Roma, e Bologna si possono trovare piscine e palestre naturiste dove è possibile fare attività a corpo libero per tutto l’anno, in collaborazione con le federazioni naturiste locali, che hanno vietato rigorosamente l’ingresso agli estranei. Mentre in America il nudismo può essere praticato perfino davanti all’altare perché “compatibile con i valori cristiani”.
Lo afferma il sito www.naturistchristians.org dove si trovano molti consigli utili ai promessi sposi.
Donne, pensateci su: non sarebbe bello, per una volta, risparmiarsi lo stress di scegliere abito bianco e velo?

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>