La sissification. Cos’è?

di Cristiana 1


La sissification o femminilizzazione forzata, è un aspetto dell’universo BDSM ancora poco conosciuto. Il termine “sissy” deriva dal gergo inglese “sis”, a sua volta derivante da “sister” (sorella). Con sissy, generalmente si indica una ragazza, figlia o appunto sorella, che fa parte del proprio nucleo familiare. Ma sissy è anche utilizzato con significato dispregiativo, per indicare un ragazzo o un uomo effeminato, che fallisce negli atteggiamenti tradizionali maschili.
Si parla di femminilizzazione forzata, quando una persona obbliga un uomo a vestirsi e a comportarsi come una donna, quando lo costringe a truccarsi, e a svolgere compiti tipicamente femminili, come i lavori domestici. Spesso l’uomo è costretto a vestire i panni di una cameriera, e in quel caso si fa riferimento a lui con il termine di sissy-maid.
La femminilizzazione forzata è una delle pratiche più controverse del sado-maso, perché ricerca l’umiliazione e la sottomissione dell’uomo, facendo ricorso ad elementi propri del mondo femminile, come i vestiti e spesso le uniformi che richiamano le figure femminili giudicate più servili come la cameriera o la prostituta.


Nella sissification, il rapporto è quasi sempre eterosessuale. Chi domina è una donna, la moglie, la fidanzata, oppure una collega di lavoro. Fare di uomo una “sissy” contro la sua volontà è una forzatura da parte della donna dominante, che in questo modo vuole umiliarlo, talvolta con richieste mortificanti come quella di spogliarsi e mostrarsi in pubblico, esposto alle risate e agli insulti dei passanti. Spesso il nome dell’uomo viente tradotto al femminile (Mario diventa Maria) e ci si rivolge a lui con termini offensivi e degradanti come “checca” o “troia”. E’ innegabile che la maggior parte degli uomini in abiti femminili risulti goffa o addirittura ridicola, così le dominatrici più spietate godono a rimarcare ogni piccola mancanza delle loro prede. E la tensione di doversi comportare esattamente come una donna, di essere capaci di imitare alla perfezione il portamento, i gesti, il tono di voce, è vissuta da molti uomini come un forte stimolo erotico, soprattutto se per gli errori è prevista una punizione. Infatti all’inizio l’uomo di solito si mostra molto riluttante a sottoporsi alla femminilizzazione forzata. Si oppone, e viene convinto con punizioni, sculacciate, ma anche minacce e ricatti che hanno lo scopo di riportarlo “sulla retta via”. Alla fine, l’uomo accetta la sua nuova condizione e il piacere che ne riceve. Infatti la sissification permette all’uomo di superare le proprie inibizioni sessuali e i limiti imposti dai ruoli, permettendogli così di esprimere il proprio lato femminile.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>