Strane ricette: piatti a base di sperma

di Valentina 3

Il team che tratteremo probabilmente farà contenti gli appassionati di bukkake e rischierà di “schifare” un poco gli altri e gli amanti della buona cucina, ma qualche anno fa, seppure passato in sordina, è stato pubblicato un libro di ricette composto completamente da piatti a base di sperma.

Ed a sentire coloro che hanno avuto occasione di provare questi piatti, alla fine, come ingrediente speciale, il seme maschile non è poi tanto male.

Insomma, a costo di sentirci novelle Samantha Jones uscite direttamente da Sex and The City, non potevamo non condividere con voi queste perle. Vi era una leggenda metropolitana in uno dei paesi vicini ai quali colei che vi scrive viveva: vi era un negozio di dolci, una cornetteria, dove vendevano dei cornetti ripieni conosciuti nell’intera zona. Si sussurrava, specialmente per ciò che riguardava quelli ripieni al cioccolato bianco (buonissimi) che il gestore li preparasse con un ingrediente speciale.

Inutile riportarvi le elucubrazioni, vero? Fatto sta che, leggenda o meno ( e che Dio ce la mandi buona), quei cornetti erano buoni.

E lo stesso vale per queste ricette, con l’unica differenza che in questo caso l’ingrediente è certo. Di base va detto che lo sperma non solo ha una consistenza davvero particolare, ma ha una composizione chimica davvero nutriente. A quanto pare, grazie alla sua varietà di gusto, influenzabile facilmente attraverso il cibo che si mangia, si adatta perfettamente a preparazioni di diverso tipo.

Certo, ad onor del vero va detto che non tutti vedono come ottimale il suo utilizzo in cucina, ma “Natural harvest”, letteralmente “raccolto naturale”, nelle sue 61 pagine indica ricette interessanti e gustose all’apparenza. E poi, inutile dirlo, l’ingrediente principale alla fine è facilmente riscontrabile anche in casa. Poco pretenzioso ma molto gustoso.

Un esempio? Vi è la ricetta raffinata e quella più semplice. Si passa infatti dalle ostriche in salsa bianca, alle crepes allo sperma. E se avete bisogno dell’ingrediente principale, inutile dirlo, i metodi per recuperarlo sono tanti… sempre che abbiate tanto coraggio da mettervi in cucina.

Commenti (3)

  1. ciavale…
    forse in questo caso sarebbe più il caso di parlare di gokkun, piuttosto che bukkake, no?
    comunque buon appetito :-*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>