Amate la scappatella? Arrivato in Italia il sito “Victoria Milan”

di Valentina Commenta

Non è un sito dedicato al Milan ed alle sue conquiste e nemmeno l’omonimo portale di una modella. Quando parliamo di Victoria Milan parliamo del primo sito europeo concepito per tutte quelle persone sposate alla ricerca di un’avventura che vogliono divertirsi in modo anonimo ed al riparo dal rischio di essere scoperti. Un sito decisamente non adatto ai paldini della fedeltà.

Ricordando agli uomini che le sveltine derivanti dal sesso extraconiugale procurano con una certa frequenza la rottura del pene,  ci apprestiamo a presentarvi in portale in questione, arrivato anche in Italia. Il sito è stato lanciato in Scandinavia intorno alla fine del 2010 ed è diventato in brevissimo tempo un vero e proprio punto di riferimento per tutti/e coloro intenzionati a cornificare l’altra metà senza troppi problemi e nel massimo della privacy.

Basti pensare che dalla sua apertura ha raccolto oltre 850mila iscritti, e questo nonostante le polemiche nate in Spagna ed in Olanda ed il relativo ostruzionismo applicato. Lo slogan poi, va detto, è tutto un programma, visto che suona più o meno così:

Rivivi la passione, fatti una scappatella!

Quasi “mettendo le mani avanti”, il fondatore del sito Sigurd Vedal spiega:

Il 35% delle persone iscritte ai normali siti di incontri per single e ai social network mente sul proprio stato civile. Le statistiche poi dimostrano che il 60-70% delle persone sposate o conviventi hanno o hanno avuto delle relazioni extraconiugali.

E continua:

Nelle relazioni di lunga durata l’infedeltà è la norma, in Svezia come in Italia, e in quelle più stabili serve persino a ravvivare il ménage. Riceviamo quotidianamente mail di persone che ci scrivono per ringraziarci perché, grazie al nostro servizio, sono riusciti a salvare il loro matrimonio e la loro vita famigliare.

Quale è il punto di forza del sito? La completa riservatezza e sicurezza che passa attraverso il vaglio e l’approvazione dei profili da parte dei supervisori del sito unito alla possibilità dell’utente di segnalare un comportamento inappropriato all’interno dell’aspetto “social” del sito. Che ci crediate o meno per molti versi Victoria Milan è molto simile a Facebook in merito al suo funzionamento.

E se una persona è di disturbo…la si può bloccare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>