Glamour from the Ground Up: i piedi delle pornostar negli scatti di Ed Fox

di Redazione Commenta

Il segreto di Ed Fox è la sua passione per i piedi femmminili. Li considera la parte più attraente del corpo di una donna, anzi, a sua detta sono come un secondo corpo. Il bello è che può guardarli passando inosservato: a chi verrebbe in mente che in realtà si sta eccitando e non è semplicemente in adorazione di un paio di sandali? Be’, adesso il piccolo segreto di Ed Fox è venuto a galla e tutte sapranno che il giovane fotografo di Los Angeles ama, più di tutto, i piedi delle donne.

Il libro che raccoglie gli scatti di Ed Fox si intitola Glamour From The Ground Up, e mostra al mondo i piedi più sexy ed irriverenti che abbiate mai visto: sono quelli di Dita Von Teese, di Aria Giovanni, di Valentina Vaughn, di Tera Patrick, di Brittany Andrews, di Jill Kelly, di Kelly Madison, di Temptress, di Tall Goddess, di Jewel De’Nyle, di Belladonna, di Terri Weigel e di Penny Flame. Sono tutte donne carnali, che danno un senso di appagamento e di piacere. I loro corpi, formosi e voluttuosi, ispirano sensualità e desiderio. I loro piedi poi, per chi ama quanto Ed questa parte del corpo, sono quasi sempre in primo piano in una serie di immagini dinamiche e movimentate, così come dinamica emovimentata è la personalità del fotografo.

Non abbiate paura di godere alla vista di queste splendide immagini, perché anche ai non feticisti piaceranno e anche gli appassionati di fotografia le adoreranno. Sfogliatelo con calma, assaporate ogni particolare e notate quanto le donne ritratte si sentono a loro agio in queste posizioni così azzardate ed eccitanti. Ed Fox ha colto nel segno e ha ritratto la splendida naturalezza di alcune delle donne più desiderate del mondo. Lì dove la loro nauralezza risiede nell’essere così spontaneamente e dannatamente erotiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>