Il BDSM e lo stile di vita Gorean

di Cristiana 2

Se il Bdsm tradizionale vi appare come sfaccettatura perversa della sessualità, allora che dire della sua variante più bizzarra e curiosa, cioè il Gorean?
Il Gorean è una stile di vita che fa parte dell’universo sadomaso, ma la sua diffusione ha una origine alquanto strana, poiché non parte né da una spregiudicata rivoluzione sessuale, né da dalle speculazioni filosofiche di marchesi libertini. Il Gorean deve la sua nascita allo scrittore di fantascienza John Norman, che nel mondo di Gor (un pianeta gemello, una contro-terra) ha ambientato la sua saga di racconti fantasy, contaminando la struttura tipica del genere, fatta di eroi mitologici, mostri e guerrieri, con elementi tipici della filosofia sadomaso.  Nel mondo di Gor, infatti, l’uomo è libero, e dunque padrone assoluto (Master), mentre le donne sono schiave che hanno il compito di obbedire e compiacere l’uomo. Applicata alla vita reale, la filosofia goreana tende ad essere intesa come “sesso basato sulla sottomissione della donna“, che raggiunge la vera femminilità solo se dominata e “protetta” da un vero uomo. Di conseguenza il Gorean sembra vicino alle pratiche sadomaso, ma in realtà la questione è ben più complessa.

Sadomasochisti e goreani in generale non vanno d’accordo perchè tra i goreani non è ammesso l’uso della safe word (parola di sicurezza) che dà la possibilità alla schiava o submissive di interrompere il gioco in qualsiasi momento. Questo può dare luogo anche a situazioni di tortura estrema, da qui le critiche da parte dei sostenitori del Bdsm più tradizionale. Tuttavia le schiave goreane negano che la violenza faccia parte del loro percorso di “raggiungimento della vera femminilità”, sostenendo invece i vantaggi della schiavitù consensuale, fondamentale per la realizzazione della donna.

La schiava goreana prende il nome di Kajira, ed il suo comportamento è strettamente codificato dalle regole che sono tratte proprio dai libri di John Norman, benché siano state successivamente adattate alla vita reale, e abbiano dato il via ad uno dei più controversi giochi di ruolo a sfondo sessuale che si ricordi. Basti pensare che la regola fondamentale della schiava Kajira consiste proprio nella rinuncia alla propria libertà in favore dell’assoluta libertà del padrone, a cui va dato sempre ragione, anche quando le sue azioni rivelano un evidente torto.

Me del codice comportamentale della Kajira parleremo nei dettagli più in avanti.

Commenti (2)

  1. Molto preciso il discorso sul gorean (che solitamente è invece trattato in modo meno profondo di quanto sei riuscita a fare tu).

    Unica piccola considerazione (che è mia personale e non altro eh)…

    Verso la fine dell’articolo tu scrivi:
    ” Sadomasochisti e goreani in generale non vanno d’accordo ….”

    Ci sarebbe da fare (a mio pignolissimo parere) una divisione netta tra bdsmer e sadomasochisti .

    So ovviamente cosa lo stesso acronimo del bdsm indica con SM ma io ritengo e ho in altra sede argomentata la notevole differenza tra il bdsm e il sadomasochismo

    Ciò non toglie che reputo molto valido questo articolo , e scritto in modo semplice e chiaro.

    Per cui considera questo mio intervento solo una mia personale opinione che non offusca i miei personali complimenti a chi lo ha scritto

  2. Ti ringrazio per le tue parole. Il Gorean è un argomento molto complesso e difficile da trattare, ed io ho cercato di spiegarlo a grandi linee, anche perché se avessi coluto elencare tutti i codici e le regole del gorean, un sito non sarebbe bastato 😉 Spero comunque di averlo fatto nel migliore dei modi.
    Terrò presente le tue osservazioni, e spero di avere l’opportunità di approfondire in futuro tutte le sfumature (e le differenze) tra bdsm e sadomasochismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>