Priscilla Salerno, un documentario sulla sua vita

di Maris Matteucci Commenta

Segnatevi questa data: 19 giugno. E’ quella che segna il ritorno in tv di Priscilla Salerno, celebre attrice porno che si renderà protagonista assoluta di un intero documentario che racconterà tutta la sua vita.

Dagli esordi difficili a una carriera che poi è letteralmente esplosa, consacrandola una della attrice hard più acclamate. Una carriera che, come lei stessa racconterà nel documentario, è incominciata giovanissima, ad appena diciannove anni. E’ a quell’età che Priscilla Salerno ha abbandonato la sua città natale e la casa dove abitava con la famiglia per fuggire via lontano. I genitori non volevano che lei si spogliasse per fare soldi, ma lei voleva invece continuare su una strada che fin dall’inizio le si era presentata come particolarmente redditizia.

E così per una Priscilla Salerno giovanissima arriva la prima esperienza all’Excelsior di Firenze dove viene ingaggiata per fare la lap dance. L’attrice ricorda la prima sera come molto difficile emotivamente: “Mi vergognavo da morire”, racconterà nel documentario sulla sua vita. Ma è proprio grazie al primo lavoretto all’Excelsior di Firenze che la sua carriera prende il volo. Nel noto locale toscano infatti la nota Marzio Tangeri, uno dei pionieri dell’hard, che ne viene ammaliato e la vuole a tutti i costi ingaggiare per un ruolo in un film hard.

Nonostante le difficoltà dell’inizio (l’attrice racconta che la prima esperienza è stata a dir poco disastrosa, con lei fuggita dal set e lo stesso Marzio Tangeri impegnato a rincorrerla fino in giardino per farla tornare sui suoi passi), da quel momento in poi per Priscilla Salerno si aprono le porte del mondo hard che ancora oggi la vede protagonista assoluta. Un mondo difficile che lei definisce ormai povero di talenti ma che le ha sempre regalato grandi gratificazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>