Porno d’autore: come riconoscerlo

di Valentina Commenta

Per molti la sola idea del porno d’autore è un eresia. Questo perché si tende a considerare il porno la solita “cosa sporca” quasi non degna di un considerazione critica. Oggi vogliamo darvi una mano a riconoscere i prodotti di questo genere. Piacevoli da vedere non solo perché materiale masturbatorio.

E’ ovvio, quando ci si mette a visionare un sito porno non lo si fa per criticare scenografia e sceneggiatura, ma per visionare qualcosa di eccitante ed in grado di stimolare quella parte di noi che aspira al piacere, sia che ci si trovi soli o in compagnia. Con il porno tradizionale di solito d’autore nulla è riscontrabile. Le scene, per quanto astruse e fantasiose sono permeate da quella patina di finto e poco coinvolgente che di sicuro può attrarre l’uomo che va al sodo e cerca nella stragrande maggioranza dei casi vagine umide, culi e tette a iosa, ma che di certo ripugna le donne che cercano qualcosa di coinvolgente.

Quello che definisco porno d’autore, riscontrabile senza alcun problema anche nei siti a pagamento, è quel video porno ben congegnato e pensato che è in grado di farti visualizzare un creampie come un’opera d’arte, denso di erotismo. Quella che rappresenta il rapporto sessuale tra i due attori, all’interno del contesto, come l’atto più normale del mondo, anche se magari usano uno strap-on e si danno al pegging. E questo è possibile solo quando si rigetta la falsità della grande goduria data dai gemiti in cinque secondi netti di palpeggiamenti, quando si evitano quelle smorfie assurde nei visi delle donne e quel piacere mordi e fuggi rappresentato dalla ricerca spasmodica dell‘orgasmo.

Nel porno d’autore i ritmi sono più lenti ma ben pensati e calibrati a seconda della scena, i movimenti più sentiti, più ricercato. Anche le inquadrature, sebbene molto ravvicinate, sono inserite in un lavoro di regia più ampio. E gli attori? Anche loro si trasfigurano: appaiono a proprio agio, ricercano il piacere, pur senza rinunciare a tutti gli elementi del porno. E’ questa la pornografia alla quale dovrebbe aspirare l’intero settore.

Photo Credit | Nubile Films

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>