Poesie erotiche: La distanza dei punti

di Luciana Commenta

Un ritratto appassisce,

quando la foto è in lutto.

E non merito sguardi,

ma solo distanza dai tuoi punti.

I ricordi mostrano rughe,

e sono segni spenti.

I corpi hanno danzato di spirito,

con una presa di estrema passione.

Violento il mio tocco affondava,

la carne in urla di brame.

Chiudere gli occhi ora,

sarebbe come morire.

Decidere di andare,

è il colpo di grazia che arriva.

Ci sono stati momenti in cui mi pensavi?

Ci sono state attese in cui mi chiamavi?

Dubito che l’orgasmo testimonia una danza,

e l’agire si fa sempre più disteso.

La strada ha una mente sola,

dove i sogni non hanno realtà.

 

[di Luciana Cameli]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>