I pericoli del sesso in un’infografica

di Giada Commenta

La strada che porta all’orgasmo può essere lunga e molto, molto dolorosa. A confermarlo è l’infografica realizzata dalla Medical Insurance che porta l’attenzione su gli incidenti del sesso più tipici… Siete pronti?

Secondo la ricerca della Medical Insurance (un’assicurazione americana sulla salute dei cittadini), il 33% delle persone farebbe i conti con un piccolo incidente durante l’atto sessuale, una bella percentuale considerando che, sempre secondo la stessa ricerca, ogni giorno ben 240 milioni di persone farebbero sesso.

Ma quali sono gli incidenti più comuni durante il sesso? Oltre alle escoriazioni e ai piccoli lividi (ve li avevamo già elencati in un altro post), la Medical Insurance avrebbe anche presentato i luoghi erotici più pericolosi, quelli che ci lascerebbero con più probabilità parecchi lividi. Nella top ten ci sarebbero: il sofà, le scale, la macchina, la doccia, il letto, la sedia, il tavolo della cucina, il giardino, il gabinetto e l’armadietto del proprio ufficio.

Quali sarebbero invece gli oggetti rotti con più frequenza durante il sesso? La prossima infografica (la trovate nella nostra gallery al fondo dell’articolo), mostra tutto ciò che spesso siamo obbligati a buttare via a causa della focosa passione che accende il nostro desiderio… Nella top ten degli oggetti più rotti durante il sesso troviamo, nell’ordine: le assi del letto, i calici di vino, le cornici, le sedie, le tazze per la colazione, le pareti di casa (addirittura? Brutti sporcaccioni!), i cassetti, le porte, le finestre e i vasi.

Cosa ne pensate dell’infografica? Se vi va, raccontateci la vostra esperienza. Qual è il posto più “pericoloso” in cui avete fatto l’amore? Quale luogo della vostra casa, o dell’esterno, vi ha fatti tornare a casa con un acciacco? E ancora, per quali oggetti avete dovuto offrire banali spiegazioni dopo averli mandati in mille pezzi e gettati nella spazzatura?

Photo Credits | Medical Insurance

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>