Linguaggio del corpo: scopri se lui è bravo a letto da come ti abbraccia

 
Cristiana
16 maggio 2011
1 commento

Ultimo appuntamento con i consigli di Judi James, esperta di linguaggio del corpo. Stavolta è il turno di analizzare i piccoli gesti che un uomo fa al primo appuntamento: se ti prende la mano, se ti cinge la vita, ma soprattutto se e come ti abbraccia prima, durante, e dopo la serata. Perché anche da questi piccoli dettagli è possibile scoprire se a letto farà fuoco e fiamme, oppure no.

Se l’abbraccio è di tipo “amorevole” e “affettuoso” abbiamo a che fare con un uomo vero gentleman, che sa quando è il momento per mostrare entusiasmo, e quando invece è più saggio essere discreto. E le buone maniere fanno piacere anche a letto. Al contrario, ci sono tre categorie di uomini di cui è meglio non fidarsi troppo.

  • Lo scalatore: lui ti abbraccia, e un attimo dopo ecco che le mani cominciano a salire più su, fino ad appoggiarsi sul seno, con finta noncuranza. Ma un comportamento del genere è come un campanello d’allarme. Lo scalatore a letto sarà egoista e poco premuroso. Buono per una sveltina, ma guai a tenerselo per una notte intera.
  • L’orso: si tiene a distanza per tutta la serata, evitando ogni minimo contatto. Poi, quando è arrivato il momento di accompagnarvi a casa, vi dà un abbraccio fortissimo e pieno di calore. Un simile comportamento è tipico di chi è inesperto. Magari lui è appena uscito da una relazione durata molti anni, e non sa bene come muoversi al primo appuntamento, così lancia i segnali sbagliati e alla fine non sapete più se gli piacete oppure no. Probabile che faccia lo stesso in camera da letto. Un po’ di timidezza può essere attraente in un uomo, però accertatevi che lui si ricordi almeno le basi!
  • L’arruffone: niente è più fastidioso di un uomo che vi stringe a sé senza mostrare alcun rispetto per il tempo che avete passato a truccarvi e a pettinarvi in vista della serata. Secondo Judi James, l’abitudine di scompigliare i capelli della partner è indice di un certo disordine che, inevitabilmente, si rifletterà poi a letto. Insomma, scarso ritmo e poca compostezza tra le lenzuola. Perciò lasciate perdere il miraggio di un orgasmo simultaneo, tanto non accadrà mai.

Vuoi saperne di più?
Scopri se lui è bravo a letto da un bacio.
Scopri se lui è bravo a letto da come mangia.
Scopri se lui è bravo a letto da come balla.
Scopri se lui è bravo a letto da come parla.

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Lust

    Che pizza gli arruffoni. Che bisogno hanno di cotonarci i capelli? Spesso te li spostano non da un lato, ma in alto! Come se una pellicola di gel inesistente dovesse magicamente farli stare sù dritti come una punk.
    Non sono solo arruffoni con i capelli, ma anche con i vestiti. Sei strizzata in un bellissimo corsetto o uno splendido reggiseno? E loro TRAC devono abbassarlo e rivoltarlo con la grazia di un muratorore, come se non avessero mai toccato o visto un paio di tette prima. Slacciarlo normalmente no, troppo difficile?

    17 mag 2011, 17:38 Rispondi|Quota